BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA - ARCISATE

E-mail Stampa PDF

CAVE E MINIERE

LE TRACCE DEL LAVORO

Natura tra verde e acque

LA TERRA RACCONTA LA SUA STORIA

L'INCANTO DELLE VILLE DI DELIZIA

ITINERARI NELLA FEDE

INSOLITI SEGNI D'ARTE

LA LINEA CADORNA

GUSTO LIBERTY IN VALLE

SAPORI DI LAGO E DI MONTI

PEDALANDO NEL PIAMBELLO

Il battistero di Arcisate, dedicato a San Giovanni Battista, è situato nell'antico nucleo del paese, a nord della chiesa di San Vittore e rappresenta il più antico battistero superstite della Provincia di Varese.

In origine, esso si presentava, all'esterno, come un prisma ottagonale piuttosto slanciato, con cinque nicchie estradossate, alternatamente a pianta semicircolare e rettangolare, conservate oggi solo fino all'altezza di 0,5 m dal livello del suolo odierno e 1,5 m dal livello originario. Attualmente, il lato orientale, e parzialmente quelli S/E e N/E, risultano coperti da un'abside settecentesca e da due vani annessi, mentre le pareti, prive di intonaco, mostrano il paramento murario in pietrame; le murature di chiusura degli archi, che si aprivano sulle nicchie, sono invece in mattoni refrattari. Sette finestrelle, una per ogni lato, sono visibili nella parte alta del battistero. L'ottava, quella orientale, ricostruita durante i restauri del 1936-38, si apre nel vano absidale. Dall'esterno, scendendo i quattro gradini che hanno per parapetto i resti delle murature della nicchia occidentale, si entra nel battistero attraverso un'ampia porta. Il vano centrale, cilindrico, termina nella parte superiore con una volta ad arco ribassato; nelle pareti, completamente intonacate, sono evidenziati gli antichi accessi alle nicchie mediante una leggera rientranza della muratura di tamponamento. Ad oriente, nell'alta ed ampia abside settecentesca, sono conservati, fino all'altezza di 1,60 circa, i muri perimetrali della nicchia originale.

L'edificio originario subì una prima ristrutturazione nell'ottavo secolo; anteriormente al XIII secolo, il fonte ad immersione originale fu sostituito da una grande vasca in pietra, trasferita in seguito (tra il XIII e la prima metà del XV sec.), nell'attigua chiesa plebana. Alla metà del XVIII sec., l'edificio subì una radicale trasformazione: vennero abbattute tutte le nicchie, si aggiunse una grande abside, si rialzò di circa 60 cm il pavimento e si costruì la cupola sopra il vano centrale. Il battistero giunse in queste condizione ai restauri del 1936-38.

La posizione del battistero - a Nord della plebana di San Vittore - lo schema planimetrico ed altri elementi architettonici di raffronto con diversi battisteri lombardi, ticinesi e piemontesi, parrebbero collocare l'edificio originario nel V secolo, ipotesi questa confermata anche sotto il profilo storico, visto l'importante ruolo ricoperto dalla Valceresio in epoca romana. Il battistero di Arcisate testimonia dunque la presenza cristiana organizzata, anche al di fuori delle città, già nel V secolo.

 

ubicazione

Piazza Battistero - Arcisate (VA).

 

Per approfondire

Battistero

Il battistero, lati Nord e Ovest.

 

Pianta_battistero_Arcisate

Pianta del battistero. Sono indicate le epoche di costruzione delle parti in muratura. 

 

Ricostruzione_assonometrica

Ricostruzione assonometrica del battistero così come appariva in origine.

 

Vista_aerea

Vista aerea del battistero. Questa e le due immagini precedenti sono tratte da: Mazza, S., Il battistero di Arcisate in "Rivista della Società Storica Varesina", fasc. XIII, apr. 1977, pp. 93-112.