CHIESA DI MADONNA DI CAMPAGNA - CANTELLO

E-mail Stampa PDF

CAVE E MINIERE

LE TRACCE DEL LAVORO

Natura tra verde e acque

LA TERRA RACCONTA LA SUA STORIA

L'INCANTO DELLE VILLE DI DELIZIA

ITINERARI NELLA FEDE

INSOLITI SEGNI D'ARTE

LA LINEA CADORNA

GUSTO LIBERTY IN VALLE

SAPORI DI LAGO E DI MONTI

PEDALANDO NEL PIAMBELLO

Diverse fonti storiche sembrerebbero confermare l'esistenza della Chiesa di Madonna di Campagna già nel IX secolo: lo storico Giorgio Giulini, infatti, nelle Memorie della città, e della campagna di Milano ne' secoli bassi (1769), indica l' "Oratorio di Santa Maria da Lacurno, forse Ligurno nella Pieve di Arcisate" come sede di udienza di un processo che vedeva come contendenti, in merito al rivendicato possesso di alcuni beni in Balerna, il longobardo Teutperto ed il Monastero di Sant'Ambrogio di Milano.

Nel 1574, la chiesa di Madonna di Campagna accolse San Carlo Borromeo in visita pastorale mentre nel 1912 fu dichiarata monumento nazionale, attraverso Decreto del Ministero della Pubblica Istruzione.

 

La valorizzazione dei caratteri romanici, collegati direttamente all'architettura del campanile, è emersa durante un primo restauro, avvenuto fra il 1971 e il 1974 e sostenuto dall'avvocato di Cantello, Steno Baj. Durante il restauro è stata rinvenuta parte dei muri perimetrali di una costruzione preesistente a quella della chiesa. Questo e l'ulteriore ritrovamento dei resti di alcune tombe distribuite nello spazio adiacente all'edificio sacro, farebbero pensare all'esistenza di una precedente chiesa dedicata a Santa Maria ancor più antica di quella romanica, oggi visibile.


La chiesa, inserita nell'area cimiteriale di Ligurno e databile al XI secolo, si compone di un'aula rettangolare formata da muri perimetrali in pietra irregolare, terminante in un'abside semicircolare, coronata, sulla parte sommitale, da decorazioni a fornice. L'abside autentica, riportata alla luce durante il primo restauro, è dotata di tre finestrelle, le cui dimensioni richiamano le grandi finestre, ereditate dalla tradizione paleocristiana, quali si vedono nelle absidi delle basiliche milanesi.

La facciata presenta archi rampanti romanici sul fronte, delle lesene in rilievo e in alto, la tipica finestrella a croce greca. Lungo la parete sud sono presenti tre finestrelle ogivali, una delle quali dipinta a fresco sullo strombo interno con decorazioni policrome di carattere romano.

Il catino absidale è decorato da un affresco tardo quattrocentesco raffigurante un Cristo pantocratore in mandorla, attorniato dai quattro evangelisti. Altre tracce di affreschi sono stati rinvenuti nella parete inferiore del muro absidale: essi raffigurano una fuga di leoni rampanti che corrono verso un belzebù dai seni femminili. La tecnica di esecuzione primitiva e la profanità del soggetto, potrebbero datare il dipinto intorno all'anno 1000. Gli affreschi, attribuiti a Galdino da Varese, si contraddistinguono per la presenza di velari con rimandi alla tradizione dei bestiari.

La parte più significativa della struttura romanica conservatasi è rappresentata dal campanile slanciato, che vede l'impiego delle nicchie a fornice nel coronamento absidale e delle bifore della cella, segnalate da un sopracciglio.

Anche il campanile, oggetto di restauro nel 2000-01, viene datato alla prima metà dell'XI secolo e presenta pareti decorate con sovrapposti riquadri coronati da tre archetti pensili, feritoie e monofore fino alla cella campanaria con bifore cigliate.
    

ubicazione

Via Madonna di Campagna - località Ligurno, Comune di Cantello (VA).

 

Per approfondire

  • Colombo, S., Nota su un'abside romanica con nicchie a fornice nel Varesotto in "Sibrium", Vol. 8, anno 1964-66, pp. 123-130.
  • Baj, S., La chiesa di Santa Maria di Campagna di Ligurno e Cantello: Storia di un restauro 1971-1974, Milano 1984.
  • Buzzi, G., Cantello, i sentieri dell'antica torre: ricerca storica riguardante la chiesa dedicata alla Madonna di Campagna ed alla sua antica torre campanaria, Emmevi, Varese 2006.

Vista_sud

La chiesa di Madonna di Campagna, lato sud.


Vista_ovest

L'ingresso della chiesa, posto sul lato ovest.


Abside

Veduta absidale della Chiesa di Madonna di Campagna. Da: Storia dell'arte a Varese e nel suo territorio, Uninsubria University Press, Varese 2011. Foto di Paolo Zanzi.


Madonna_di_Campagna_anni_Sessanta

La facciata della chiesa così come appariva prima del resturo degli anni Settanta. Da: Finocchi A., Architettura romanica nel territorio di Varese, Bramante, Milano 1966.


Catino_absidale

Catino absidale: affresco del Cristo pantocratore. 

 

Affresco_abside

Tracce di affresco della parte bassa dell'abside.

 

Affresco_angolo_sud_ovest

Tracce di affresco, angolo sud ovest dell'edificio.

 

Finestrella_parete_sud

Finestrella originale posta lungo la parete sud. Questa e le precedenti tre immagini sono tratte da: Baj S., La chiesa di Santa Maria di Campagna di Ligurno e Cantello, Milano 1984.