LAGO DI GANNA - VALGANNA

E-mail Stampa PDF

CAVE E MINIERE

LE TRACCE DEL LAVORO

Natura tra verde e acque

LA TERRA RACCONTA LA SUA STORIA

L'INCANTO DELLE VILLE DI DELIZIA

ITINERARI NELLA FEDE

LA LINEA CADORNA

INSOLITI SEGNI D'ARTE

SAPORI DI LAGO E DI MONTI

GUSTO LIBERTY IN VALLE

PEDALANDO NEL PIAMBELLO

Il Lago di Ganna giace sul fondovalle della Valganna, in una falda contenuta nei depositi alluvionali del Margorabbia.

Nelle sue acque, particolarmente pulite, nuotano lucci e tinche mentre nelle aree umide più piccole avviene la riproduzione di salamandre e rane. Il lago di Ganna, che intorno alle rive ospita canneti è coperto da castagne d'acqua, lenticchie d'acqua e ninfee. Tra le sue sponde, dove crescono salici ed ontani, si snoda, per 1,3 km, il sentiero guidato del Pralugano, che permette di ammirare l'airone cinerino, la ballerina gialla, il migliarino di palude ed altri rari volatili che trovano nel lago di Ganna il loro habitat naturale.

Il lago di Ganna è alimentato in parte dal torrente Margorabbia e in parte da alcune risorgive; nelle sue immediate vicinanze, vi è un altro piccolo specchio d'acqua artificiale, il Pralugano, formatosi in seguito al prelievo della torba, usata per il riscaldamento.

La collocazione del bacino del lago di Ganna, tra i rilievi, oltre a darne un'immagine molto suggestiva, consente una buona osservazione delle sequenze vegetazionali che si susseguono, dalle piante sommerse al bosco, attraverso progressivi stadi di interramento.

Per la sua rilevanza floristica e faunistica, il lago di Ganna, assieme alla torbiera del Pralugano, a partire dal 1984, è stato riconosciuto Riserva naturale orientata e, in seguito, Sito d'Importanza Comunitaria. L'interesse ecologico del lago di Ganna va individuato nell'assenza della mole di inquinanti che generalmente appesantiscono gli specchi d'acqua europei: ciò è possibile perché il suo bacino idrografico non è attraversato da insediamenti industriali e quelli residenziali sono talmente pochi da non rappresentare un pericolo. Questa purezza ambientale fa sì che all'interno della valle siano ospitate 35 specie vegetali considerate rare e 11 classificate come rarissime in Italia. Per ciò che concerne la fauna, è stata rilevata la presenza della Rana Iatastei, mai osservata ad un'altitudine così elevata mentre, nell'abitato di Ganna, si è osservato l'unico caso in Italia di riproduzione del pipistrello Nathusius.

 

UBICAZIONE

 Località Ganna – Comune di Valganna (VA).

 

Per approfondire

Lago_di_Ganna
Il lago di Ganna in una bella giornata d'autunno.

Palude_del_Pralugano

La palude del Pralugano.